Acquaterra 2006

Scopo dell'esercitazione
La Protezione Civile è quell’insieme di attività, programmi ed iniziative tese a garantire alla collettività un’organizzazione rapida ed efficiente che, in caso di calamità naturale o di ogni altra situazione di emergenza, possa evitare o almeno ridurre al minimo le conseguenze dannose alle persone e alle cose.
È evidente, dunque, che il fronte dentro cui si muove la Protezione Civile deve essere quello dell’informazione, della prevenzione e della formazione.
Le esercitazioni sono, in tale prospettiva, l’occasione per testare e consolidare sul campo la capacità e la professionalità d’intervento di tutti coloro (Volontari, Operatori, Istituzioni, Enti, Privati e quant’altri) che sono preposti alla sicurezza del territorio e della popolazione.
Nello specifico l’esercitazione “ACQUATERRA 2006”, che avrà come scenario operativo l’asse fluviale del Noncello e Meduna, vuole verificare l’efficacia degli interventi specialistici rispettando, nelle attribuzioni dei compiti, le competenze proprie di ognuno dei Soggetti partecipanti.
Lo scopo è mettere a punto meccanismi integrati di preparazione, pianificazione ed intervento in emergenza, in uno scenario di rischio idraulico che vede partecipi:

  • ANA - sezione di Pordenone;
  • Associazione Gommonauti Pordenonesi;
  • Centro Pordenonese Sommozzatori;
  • Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Pordenone;
  • Coordinamento Regionale Unità Cinofila di Soccorso;
  • Comunicazioni: C.I.S.A.R. di Zoppola;
  • Gruppo Comunale di Pasiano di Pordenone;
  • Gruppo Comunale di Porcia;
  • Gruppo Comunale di Pordenone;
  • Gruppo Comunale di Prata di Pordenone;
  • Polizia Municipale di Pasiano, Pordenone, Porcia e Prata;
  • Pordenone Fiere;
  • Provincia di Pordenone - servizio Protezione Civile;
  • Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Protezione Civile della Regione - Palmanova;
  • Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Pianificazione Territoriale, Mobilità e Infrastrutture di Trasporto - Trieste;
  • Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Direzione Centrale Risorse Agricole, Naturali, Forestali e Montagna - Ispettorato Ripartimentale Foreste - Pordenone;
  • Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Direzione Provinciale LL.PP. - Pordenone;
  • Unità Sanitarie: C.R.I. di Pordenone e S.O.G.IT. di Sacile.

Programma

  • ore 7,00: arrivo al campo base di Volontari e mezzi, allestimento del Centro Operativo, posizionamento delle strutture, mezzi e materiali, appello e registrazione dei Soggetti di Volontariato;
  • ore 8,30: riunione tecnico-operativa con tutti i Referenti dei Soggetti che daranno vita all’esercitazione;
  • ore 8,50: inizio esercitazione;
  • ore 14,00: fine esercitazione, rientro al campo base di tutti i Soggetti impegnati, incontro con i rappresentanti Istituzionali e gli ospiti presenti, pranzo;
  • ore 17,00: smobilitazione area campo, rientro alle proprie sedi dei Soggetti di Volontariato

Simulazioni

  • Evento 1: ricerca e recupero, con l’ausilio di gommoni, sommozzatori, unità sanitarie ed elicottero, di un’automobile con persona a bordo caduta dentro il fiume Meduna;
  • Evento 2: deviazione dei mezzi di soccorso causa l’interruzione della strada provinciale opitergina (località Vallenoncello) avvenuta in occasione l’esondazione del fiume Meduna;
  • Evento 3: ricerca e ritrovamento, con l’ausilio di unità cinofile trasportate sia via acqua che terra, di persone smarrite lungo le sponde del fiume Noncello;
  • Evento 4: ricerca e ritrovamento, con l’ausilio di unità cinofile trasportate con l’elicottero e dell’unità sanitaria con il gommone, di una persona rimasta intrappolata sotto il crollo di un capanno agricolo;
  • Evento 5: taglio e rimozione di piante ad alto fusto cadute dentro l’alveo del fiume Noncello;
  • Evento 6: stesura di teloni e posizionamento di sacchetti di sabbia, sull’argine del fiume Noncello, a prevenzione di fenditure e fontanazzi che si dovessero formare;
  • Evento 7: circoscrizione ed assorbimento di liquidi inquinanti che galleggiano e scendono dentro il fiume Noncello.